L'OTTAVA NOTA

MUSIC ITALIA

L'OTTAVA NOTA

MUSIC ITALIA

"SOLO QUANDO SBAGLIO"

E' Fuori il Disco di

CORTELLINO

CORTELLINO : "Solo quando sbaglio "

Si tratta del primo album che il cantautore realizza con il suo nuovo progetto musicale, avviato a fine 2018 e sancito con l’uscita del singolo “140 km/h”: una cover dello storico brano di Ivan Graziani dedicato a Trieste e al suo vento, con arrangiamenti curati dal figlio di Ivan, Filippo Graziani. “Solo quando sbaglio” consacra la nuova identità musicale dell’artista, più lucida e matura. L’album è infatti una raccolta di brani che, tra brio e malinconia, raccontano il dolore e la bellezza del diventare adulti e la difficoltà del lavoro, dell’amore e dell’affrontare la vita con le sue delusioni, le ansie e i tormenti, trovando nell’ironia, nella musica e nella creatività delle risposte alle pressioni sociali e interiori. Il disco è il prodotto di un’autoanalisi intima e profonda che permette a chi lo ascolta di conoscere e identificarsi con l’artista. Cortellino canta le sue fragilità, come nel brano che dà il titolo all’album, “Solo quando sbaglio”, in cui si riflette sulla libertà anarchica del commettere errori per sentirsi vivi veramente, mentre in “Un discorso da coniglio” condensa le riflessioni di un uomo che si appresta a diventare padre. In “Usami” si parla della trasformazione di un rapporto di coppia, mentre “Mediterranea” racconta con sofferenza la perdita di un amore. Gli otto brani di “Solo quando sbaglio” sono cuciti insieme dal filo dell’ironia, immancabile nella poetica musicale di Cortellino.

Registrato tra Rimini e Trieste, l’album è nato anche grazie all’esperienza di Cortellino al CET di Mogol: molti testi sono stati infatti realizzati con la collaborazione di autori incontrati al Centro Europeo di Toscolano.

INTERVISTA :

1) Chi è “ Cortellino “ ? Per quanto ti riguarda, c’è differenza tra la persona e l’artista?

Ciao sono contento di venir intervistato da voi, fammi pensare come posso rispondere a questa domanda: l’artista per definizione è colui che riesce a vivere della propria arte, quindi anche un artigiano è secondo me un artista, che poi il termine sia una cosa accademica al giorno d’oggi fa credere che vi sia una differenza tra la persona ed il cosidetto “artista”, secondo me non è così è semplicemente una questione di linguaggio e comunicazione.

2) Raccontaci brevemente il tuo percorso musicale;

suono da quando ero piccolo , ho avuto varie esperienze musicali tra rock band anni 70 e progetti musicali alternativi ora mi sono concentrato a raccontare le mie emozioni.

3) Parlaci del tuo ultimo lavoro discografico;

Solo quando sbaglio è un disco che parla al profondo, parla di amori e di errori, che sono cose inevitabili nella vita e da cui impariamo sempre.

4) C’è un brano, un evento o una collaborazione a cui sei maggiormente legato? Raccontaci perché;

Ti dirò per ora sono molto felice di aver collaborato con Filippo Graziani il figlio di Ivan nel reinterpretare 140 knm una canzone che parla della bora di Trieste la mia città a cui sono molto legato.

5) Come nascono le tue canzoni?

E’ una domanda molto difficile da affrontare, perché in realtà non lo so nemmeno io, sono le emozioni ed il bisogno di comunicare che escono e che vogliono esser raccontate.

6) Con chi ti piacerebbe collaborare?

Io sono aperto a collaborare con chiunque porti delle vibrazioni positive nel progetto.

7) Quali sono i tuoi progetti musicali per il futuro?

Sto facendo i remix dei brani ed anche nuove canzoni.

Chiudiamo l’intervista con l’ultima domanda, che vuole essere legna da ardere per sogni :

8)Qual è l’ottava nota che vorresti mettere nel pentagramma della tua vita? ( si accettano anche risposte assurde, esagera pure… )

Mi piacerebbe che la musica trovi un suo nuovo spazio comunicativo, per far ritornare l’uomo più a contatto con la natura

Ascoltiamo l'omonimo singolo

" SOLO QUANDO SBAGLIO "

CONTATTI :