L'OTTAVA NOTA

MUSIC ITALIA

L'OTTAVA NOTA

MUSIC ITALIA

OVERTURE

E' fuori il nuovo singolo

"Sono come non pensavi tu"

OVERTURE "Sono come non pensavi tu"

Dal 27 novembre è in rotazione radiofonica “SONO COME NON PENSAVI TU” (Noize Hills Records), nuovo inedito della band OVERTURE disponibile su tutte le piattaforme di streaming dal 26 novembre.

La fase iniziale di un rapporto è il trionfo dell’idealizzazione dell’altra persona: niente difetti, niente ostacoli. L’innamoramento domina incontrastato incidendo non soltanto su ciò che proviamo, ma anche su ciò che pensiamo. Poi il tempo passa, la nebbia si dissolve e scopriamo che l’altra persona non è esattamente così come l’avevamo disegnata nella nostra testa.

“SONO COME NON PENSAVI TU”, nuovo brano degli OVERTURE, parla di quell’esatto momento in cui qualcuno che amiamo ci guarda e, per la prima volta, ci vede davvero per quello che siamo, o che non siamo. Spiega Davide Boveri, frontman della band, a proposito del nuovo singolo: «Questa canzone l’ho scritta partendo dai miei soliti sbalzi d’umore e picchi di bipolarismo. Mi sono chiesto: “agli occhi degli altri sono sempre io?”. Contestualizzando poi questo quesito all’interno di una relazione, ho cercato di descrivere come l’amore può nascondere i difetti e valorizzare i pregi che riguardano noi, ma anche l’altra persona. All’inizio sembra sempre tutto rose e fiori, ma è l’abitudine che permette di assottigliare la differenza tra la realtà e la menzogna».

BIOGRAFIA :

Gli Overture sono una band di Alessandria nata nel 2018. Il gruppo è formato da Davide Boveri (classe ’97, Voce), Jacopo Cipolla (classe ’02, Basso), Andrea Barbera (classe ’97, Chitarra e Tastiere) e Giacomo Pisani (classe ’01, Batteria e Percussioni). Ogni componente della band arriva da mondi musicalmente diversi. La band parte dalle sonorità del Rap Metal per poi svecchiarle e creare un nuovo Crossover che tiene come riferimento principale il rap e la trap più moderne, nelle quali vengono inseriti i suoni funk, soul, rock e reggae. L’obiettivo del gruppo è sperimentare nuove sonorità partendo dalle esperienze musicali vicine alle sensibilità dei singoli componenti. Debuttano nel novembre 2019 con il singolo “Fiume in piena”, traccia con variegate sonorità (reggae, rap, R’n’b) e nel gennaio successivo esce “Come godo se” che cambia completamente faccia con una produzione trap che rasenta il metal con caratteriste ossessive. Il filo conduttore di questo suono così eclettico si trova nella stesura dei testi, scritti di getto come “vomitati”, perché affrontano sempre tematiche, sentimenti, passioni spesso scomode al nostro subconscio. Nel 2020 ottengo ottimi risultati partecipando al “Primo Maggio Next” arrivando in finale e a “Xfactor 2020” passando le prime fasi e andando a registrare le audizioni a Cinecittà/Roma. Sempre in questo periodo il loro singolo d’esordio “Fiume In Piena” viene inserito nella compilation “Compila Rockit 1.00” di Rockit. 

INTERVISTA

1)Chi sono i Sirente ? Per quanto vi riguarda, c’è differenza tra voi come persone e voi come artisti?

Overture non ha alcuna differenza da noi, è semplicemente la nostra persona tramutata in musica, che si crea un angolo di libertà assoluta, e ci consente di esprimerci al meglio.

2) Raccontateci brevemente il vostro percorso musicale;

Veniamo tutti e quattro da mondi diversi, chi studia da sempre, chi da pochi anni, Chi è partito dal jazz, chi dalla classica, chi dal funk; tutti questi generi si fondono per definire il nostro suono.

3)Parlateci del vostro primo singolo;

Sono come non pensavi tu è un brano interamente suonato, l che gli conferisce un sapore particolare, retrò quasi. Ciò ci ha messo alla prova e stimolato tantissimo.

4) C’è un brano, un evento o una collaborazione alla quale siete maggiormente legati? Raccontateci perché;

Siamo legati ad ogni brano che verrà...

5) Come nascono le vostre canzoni?

Possono nascere dalla scrittura, quindi dal testo, o dalla melodia, sopra il quale il testo viene adattato.

6) Con chi vi piacerebbe collaborare?

Beh sicuramente nel panorama italiano la voce che ci ha ispirato di più e che caratterizza tutt’oggi il nostro modo( ancora in evoluzione) di fare musica, è Salmo.

7) Quali sono i vostri progetti musicali per il futuro?

Abbiamo bisogno di fare uscire della musica, il più possibile, con l’unico bisogno di suonarla dal vivo, ma crediamo che questo sia un bisogno di tutti gli artisti e che debba essere esaudito al più presto

Chiudiamo l’intervista con l’ultima domanda, che vuole essere legna da ardere per sogni :

8) Qual è l’ottava nota che vorreste mettere nel pentagramma della vostra vita? (si accettano anche risposte assurde, esagerate pure...)

sarebbe arrivare ad un obbiettivo comune che ci siamo promessi tutti e quattro e che forse un giorno riveleremo...